Come Realizzare un Innaffiatoio Automatico con una Bottiglia di Plastica

Questa guida vuole essere d’aiuto a tutti coloro che nella propria abitazione o nel proprio giardino amano avere dei vasi con dentro meravigliosi fiori e che a volte si trovano in difficoltà se devono muoversi per qualche giorno. Ecco come fare per risolvere il problema.

La soluzione all’innaffiatura dei vasi esiste anche se dovete muovermi da casa per qualche giorno e in questo modo non dovrete chiedere a nessuno che ve li venga ad annaffiare. Il sistema che voglio condividere con voi è a costo zero, quindi, non dovendo spendere nemmeno un euro vi renderà ancora più felici. Per prima cosa dovrete recuperare un paio di bottiglie di plastica, una da mezzo litro e un’altra da un 1,5 litri.

Dopo avere trovato le due bottiglie, sarà opportuno recuperare anche un paio di forbici resistenti con le quali taglierete il fondo delle vostre bottiglie. Ora vi serve un pezzo di plastica, resistente ma che si possa piegare e cercate di girarlo su se stesso creando una sorta di imbuto grande più o meno come la bocca della bottiglia dove c’è il tappo. Una volta fatto questo togliete il tappo e innestate questo “beccuccio” alla bottiglia fissandolo efficacemente con del nastro isolante.

Quel beccuccio servirà a piantare la bottiglia nel terreno e a far confluire l’acqua che poi inseriremo nel nostro nuovo innaffiatoio. Una volta inserita nel terreno del vaso con la parte tagliata rivolta verso l’alto, riempite la bottiglia con l’acqua e il vostro innaffiatoio automatico è pronto ad irrigare. L’acqua verrà distribuita in base alle esigenze della pianta e del terreno. Avete ora a disposizione due innaffiatoi (da o,5l. e da 1,5l.) di diverse capacità in base alla grandezza del vaso e al tempo che starete via.