Come Pulire Mobili da Esterno

Chi ha un giardino, un terrazzo o semplicemente un balcone in cui rifugiarsi nelle calde serate estive, arreda questi luoghi con dei mobili da esterno: finita la stagione, però, ci si ritrova a sbarazzarsi di questi ingombranti oggetti, che invece vanno trattati con la giusta cura e manutenzione, per poterli riutilizzare l’anno successivo.

La prima cosa da fare, per realizzare una adeguata manutenzione dei predetti mobili, è vedere di che materiale sono fatti: essi infatti possono essere di vimini, di legno, di plastica, di metallo e così via. Se per esempio i tuoi mobili sono fatti da materiale come il bambù oppure di vimini, allora per prima cosa dovrai provvedere ad eliminare la polvere che, inevitabilmente, si deposita negli intrecci: spazzola con attenzione e dopo lavali utilizzando acqua e sapone, facendoli asciugare all’aperto. Non usare assolutamente solventi o acidi vari, perché possono danneggiare irreparabilmente le fibre.

Se invece hai dei mobili, come il classico tavolino con le sedie, di plastica, lavali con acqua e detersivo ed asciugali con un panno in cotone o in microfibra; se i tuoi mobili sono in ferro battuto, puoi semplicemente utilizzare un pennello per togliere la polvere e petrolio per evitare la formazione di ruggine.

Se infine hai dei mobili in legno, anche questo materiale molto usato, devi tenere in considerazione il tipo di legno: ad esempio se sono in ebano o in teak, lucidali con olio ad hoc, in modo da ravvivare il colore e utilizza cere protettive, che impediscono a polvere e sporcizia di penetrare in profondità. Se lasciati fuori durante l’inverno, ricordati di passare impregnante.