Come Cambiare Stile di Alimentazione per Dimagrire

Non siamo tutti uguali, per cui bisogna offrire un’alternativa. Se hai fallito la prova con la dieta ipocalorica bilanciata, ti propongo, tramite schema libero, la “dieta dissociata”, ossia basata sulla distribuzione ed associazione degli alimenti, e non sulla limitazione di quantità.

Fai una colazione a base di sola frutta. Evita però di mescolare, durante lo stesso pasto, agrumi (arance, pompelmi, mandarini), e frutta acerba con frutta dolce (ad esempio pere, mele, uva, etc…). Meloni e cocomeri vanno mangiati soli e non accompagnati.
Alle ore 11 puoi mangiare altra frutta o mezzo bicchiere di latte.

A pranzo ti puoi permettere solo carboidrati (pane, pasta, riso, patate, legumi e farinacei), conditi con sughi leggeri di pomodoro con pochissimo olio.
A seguito ti puoi concedere verdura cotta o cruda, condita con limone e pochissimo olio e sale.
Vietate le proteine e sughi di carne in generale.
Alle ore 17 puoi mangiucchiare un po’ di frutta o mezzo bicchiere di latte.

A cena ti sono permesse solo le proteine (carni, pesci, uova, latte, formaggi), con abbondante insalata cruda, condita con limone e pochissimo olio e sale.
Categoricamente vietati i carboidrati.
Durante la dieta, sospendi l’uso di tè, caffè, cacao, cioccolata, cappuccini, zucchero, miele, marmellata, dolci e sciroppi.
Il latte deve essere assunto solo, o al massimo accompagnato dagli agrumi.